15 ottobre 2006

Romanik strasse 1


Da tempo dovrei iniziare a mettere in ordine tutte le fotografie sulle chiese romaniche che incontro viaggiando. Da qualche anno, anzi, i miei viaggi sono organizzati in modo da incontrare sempre un po’ di architettura romanica.
Comincerò dall’ultimo viaggio, cioe’ da quello di oggi.
Siamo partiti sotto la pioggia confidando nel Meteo Suisse. Sul passo del Maloja ci siamo trovati nella nebbia.
Non abbiamo disperato e abbiamo proseguito scendendo tutta la valle dell’Inn sino a Zernez. Il tempo è cambiato, proprio come nelle previsioni…
Siamo risaliti sino all’Offenpass e siamo poi discesi lungo la val Mustair sino a raggiungere il Convento benedettino di Mustair, una delle pietre miliari del romanico.

Da qui, sia per evitare la cucina svizzera, sia per contiguità siamo passati in Val Venosta e abbiamo rivisto la chiesa di S. Benedetto a Malles. Abbiamo infine scoperto la solitaria chiesa adiabasica di S. Vito a Tarces, poco lontano da Glorenza.
Ritorno da Livigno per non superare le 12 ore di viaggio.

1 commento:

ulrich ha detto...

Hallo Laura e Paolo,
siete veramente bravi, scoprite sempre di nuovo altre chiese romaniche.
Grazie alle spiegazioni di Paolo davanti al portone della Schottenkirche a Regensburg sapevo mostrare con più particolarità quell'opera d'arte romanica ad un amico romano che era venuto poco fa.
Cari saluti da Straubing
ciao, servus
Ulrich