22 ottobre 2012

L’insostenibile leggerezza dell’ essere... una ruota di scorta.



Ho un amico gommista, Luciano, per gli amici Lucio. Quando capito in officina mi ricorda che la ruota più importante è quella di scorta, quella che tutti lasciano in fondo al bagagliaio ma che poi, in caso di necessità diventa un’ancora di salvezza.
Isola della Giraglia e faro
Così noi lavoriamo nella nostra piccola Pediatria, buona per i problemi di tutti i giorni, buona per chi viene dal Marocco e dalla Romania.
Nessuno è profeta in patria e quindi noi facciamo ecografie per la gente di Bormio, Sondalo, Livigno e Chiavenna, mentre quelli del luogo preferiscono andare a Como.
O a Lecco, però lì si fa la coda, quindi...
Qualche Pediatra di Famiglia o di libera e corsara professione guarda con sufficienza alla nostra piccola pediatria di primo livello.
Poi arriva la notte.
Allora anche la nostra pediatria di trincea brilla come il faro della Giraglia a settentrione di Macinaggio per annunziare l’isola di Corsica e la rassicurante bonaccia sotto costa mentre la nave bordeggia placata verso il mattiniero approdo.
Poi la mattina la sarabanda riprende e il faro inutile si spegne sullo scoglio.
Al sabato e alla domenica torniamo ad essere il porto sicuro, dove le mamme approdano dopo viaggi in ambasce per l’assenza del pediatra di fiducia.
E le telefonate fioccano.
-      - Dottore dopo aver cambiato il latte il bambino vomita.
-      - Ma chi le ha detto di cambiarlo?
-      - Il dottor Merlino da Poggiorusco!
-      - E perchè non gli telefona?
-      - Ma non si può... è sabato... lui visita solo privatamente.
-      - E allora va bene anche la ruota di scorta?
-      - Come scusi?
-      - Allora rompe i coglioni a noi?
-      - Ma come si permette? Noi paghiamo le tasse! Io la denuncio!
-      - Ah, va bene, mi scusi, da lunedì riapre il gommista.
-      - Come scusi?
-      - No, no, niente, venga pure, però passi in Pronto Soccorso, che siam qui ad aspettare.

1 commento:

Carla ha detto...

tristemente verissimo!