20 agosto 2010

Sono un tipo antisociale

Sto invecchiando. E' un'amara riflessione; non è un luogo comune.
Ci sono segni inequivocabili: alcuni colleghi cominciano a darmi del “Lei”; non riesco a star dietro a tutte le innovazioni informatiche; mi cedono il posto sul tram (all’estero; in Italia l’educazione è tramontata inesorabilmente).
Poi comincio a perdere la memoria; mi infastidisce la maleducazione dei maleducati; non sopporto più le motociclette rumorose e vorrei mettere le marmitte manomesse “in quel posto” ai genitori dei quattordicenni.
Detesto le mamme permissive e i padri senza palle.
Non sopporto gli scortesi e gli arroganti al volante, che sfogano sull’accelleratore le frustrazioni e l’impotenza.
Mi offendono l’incomprensione e l’ignoranza, il dogmatismo e la sicumera. Detesto la televisione.
Amo ancora il mio lavoro come il primo giorno e inizio la settimana con entusiasmo e buon umore. Amo le donne.
Sto veramente invecchiando o sono solo un asociale?
__________________________________________________

Gravedona; mb 1014 -1020, tempo sereno, temperatura 17.7° C - 24.7° C; umidità 36 - 48%

5 commenti:

tweetie25 ha detto...

Dai io non direi nessuno dei due...
E' chiaro che ami la pace e la tranquillità, come tante persone. Anch'io non sopporto tante cose che odi tu, sarà perchè sono tua figlia? ^__^
I genitori di oggi sono terribili, diciamo anche inesistenti.

Forse nella nostra famiglia siamo tutti asociali? eppure direi che gli Adamoli non sono così chiusi, anzi.. Perfortuna!! meglio così direi... papà vai benissimo così!! baci

Chiara ha detto...

Io la penso come te!
Domani compio 30 anni: sto invecchiando?

ecografista ha detto...

Grazie ragazze; vedo che le lettrici superano sempre i lettori; buon segno.
Se Chiara la pensa come me un po' sono rassicurato.

Anonimo ha detto...

ANTISOCIALE TUUUU? Mi sembri un pò 'fuori'. Condivido il turbamento dei collleghi che mi danno del "lei". Rusco

cecilia ha detto...

siamo in due,
le cose che hai scritto le dico sempre anche io,
hai dimenticato però i SUV che parcheggiano in doppia fila bloccando il traffico anche se dieci metri più avanti c'è posto e le smart che non sanno che esistono stop, precedenza e semafori rossi, almeno qui a Roma!